Omaggio al Teatro. I Teatri Nazionali e i Giganti della Montagna è un documentario con regia di Fabrizio Pompei con musiche originali composte da Trio99.

La novità della nascita dei Teatri Nazionali ad opera della riforma Franceschini, che ha riorganizzato tutto il panorama teatrale italiano, dà lo spunto per riflettere sulle istanze del teatro contemporaneo, descritto nel documentario sia come spazio della rappresentazione che come comunità di attori e spettatori.

Protagoniste sono le testimonianze dei direttori dei Teatri Nazionali, Antonio Calbi, Luca De Fusco, Marco Giorgietti e Massimo Ongaro, che si intrecciano con la trama dell’ultima opera di Pirandello rimasta incompiuta, I Giganti della Montagna.

Le storie che ne sono scaturite, seppur eterogenee, si legano indissolubilmente nel corso della narrazione: immagini di veri teatri e disegni di scene teatrali, voci narranti e voci dei protagonisti dei Giganti, dialogano tra loro e raccontano nelle varie sfaccettature il mondo teatrale.

Che funzione hanno nella società contemporanea i Teatri Nazionali? Chi sono i giganti della montagna oggi?

Queste alcune delle domande che fanno da fil rouge e che, soprattutto, riescono a far apparire quel mistero che da sempre avvolge il teatro e che lo fa assurgere a un possibile luogo dello spirito. Un luogo capace di rivelare che il ” Teatro del Mondo” non è altro che lo specchio del “Mondo del teatro”. Nel teatro come nella vita, per dare un senso alle cose che ci circondano e alla stessa nostra esistenza è necessario scoprirne l’essenza, l’intima identità, e per realizzare ciò che ci sta più a cuore bisogna credere nella forza delle idee e, come Ilse – protagonista del dramma Pirandelliano – lottare per portarle alla luce.